Facebook icona
g+ icona
Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

Scheda carburante, tracciabilità, e-fattura: come gestire le spese per veicoli aziendali

Pubblicato il 06 settembre 2018

Cosa cambia (e cosa no) prima e dopo la fine del 2018

carburanti-iva

Come noto, Il "decreto dignità" (Decreto Legge n. 87 del 2018) ha previsto che anche gli impianti di distribuzione carburante dovranno emettere le fatture elettroniche a partire dal 1 gennaio 2019,  al pari degli altri soggetti economici, anziché dal 1 luglio  2018 come inizialmente previsto.

 

LA NECESSITA’ DEI PAGAMENTI TRACCIABILI

Il Decreto dignità non ha invece variato quanto previsto dalla legge di Bilancio 2018, ovvero che dal 1 luglio 2018 è possibile dedurre il costo per l’acquisto di carburanti e la relativa iva solo se i pagamenti vengono effettuati con mezzi tracciabili.

Infatti, l’art. 19-bis1, comma 1, lettera d), del DPR 633/72, prevede che ai fini delle detrazione dell’imposta sul valore aggiunto relativa alle spese per l’acquisto di carburanti e lubrificanti per autotrazione, si considerano idonei a provare l’avvenuta effettuazione delle operazioni i seguenti mezzi di pagamento:

a) gli assegni, bancari e postali, circolari e non, nonché i vaglia cambiari e postali di cui, rispettivamente, al regio decreto 21 dicembre 1933, n. 1736 e al decreto del Presidente della Repubblica 14 marzo 2001, n. 144, con successive modificazioni e integrazioni;

b) quelli elettronici previsti all’articolo 5 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, secondo le linee guida emanate dall’Agenzia per l’Italia Digitale con determinazione 22 gennaio 2014, n. 8/2014, punto 5, tra cui, a titolo meramente esemplificativo:

– addebito diretto;– bonifico bancario o postale;– bollettino postale; – carte di debito, di credito, prepagate ovvero di altri strumenti di pagamento elettronico disponibili, che consentano anche l’addebito in conto corrente.

I medesimi mezzi di cui alle lettere a) e b) del punto 1 sono idonei a consentire la deducibilità della spesa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.

Se si è interessati  a dedurre il costo carburante, è quindi necessario utilizzare uno di questi per il pagamento, altrimenti il costo diventa indeducibile.  

 

 

SCHEDA CARBURANTE ANCORA IN USO, MA EVITABILE CON LA TRACCIABILITA’

Allo stato attuale, e fino alla fine del 2018, resta in vigore l’uso della scheda carburante. Tuttavia Effettuando il pagamento con i mezzi tracciabili, di fatto si può rendere superfluo l’utilizzo della scheda carburante. La lettera p) del comma 2 dell’articolo 7 del Dl n. 70/2011 introduce, con effetto dal 14/05/2011, una modifica al D.P.R. 444/1997, aggiungendo un nuovo comma 4 all’articolo 1 che prevede che per gli acquisti di carburante effettuati esclusivamente mediante carte di credito, carte di debito o carte prepagate emesse da operatori finanziari, non sono soggetti all’obbligo di tenuta della scheda carburante. Nella sostanza, quindi, i soggetti Iva che acquistano il carburante per autotrazione esclusivamente mediante carte di credito, bancomat e carte prepagate sono esonerati dall’obbligo di compilazione della scheda carburante. Stante il tenore letterale della norma, per non dover sottostare alla disciplina della scheda carburante, si ritiene occorra effettuare i pagamenti “esclusivamente” mediante le suddette carte elettroniche; non sono quindi ammesse modalità di pagamento “miste” (ossia nel medesimo periodo, parte di acquisti in contanti e parte con carte elettroniche). La disposizione in esame non interessa il sistema delle “carte fedeltà” associate al contratto di “netting”.

 

I CASI DI ECCEZIONE

Sono soggette alla disciplina ordinaria di emissione della fattura da parte del distributore (e NON a scheda carburante), le seguenti operazioni:

1= cessioni non effettuate presso gli impianti stradali (Circ. Min. 13 luglio 1977 n. 39);

2= cessioni aventi ad oggetto carburanti o lubrificanti non destinati all’autotrazione, o quando tale destinazione non può essere constatata all’atto dell’acquisto (Circ. Min. 13 luglio 1977 n. 39);

3= acquisti effettuati da autotrasportatori di cose per conto terzi iscritti all’albo di cui alla Legge 298/74;

4= acquisti effettuati da autotrasportatori di cose per conto proprio muniti della licenza di cui all’art.32 della Legge 298/74, che soddisfino almeno uno dei seguenti requisiti (peso complessivo del mezzo superiore a 60 q.li oppure portata del mezzo superiore a 30 q.li;

5= acquisti effettuati da autotrasportatori non residenti in Italia;

6= acquisti di gasolio effettuati dagli autotrasportatori di cose in conto proprio e dagli autotrasportatori (in conto proprio e in conto terzi) domiciliati e residenti nella UE. È ammessa la fatturazione differita secondo le regole esposte al punto precedente (art. 5 DPR 277/2000);

7= gli acquisti effettuati presso impianti stradali da Stato, enti pubblici territoriali, istituti universitari ed enti ospedalieri, di assistenza e beneficenza;

8= tutte le ipotesi di impossibilità di certificazione degli acquisti per mancanza del personale addetto alla distribuzione (es. rifornimenti durante l’orario di chiusura, attraverso “self service pre-pagamento”). In tal caso, per avere la fattura possono essere utilizzati i buoni consegna emessi dalle attrezzature automatiche, da inviare successivamente ai gestori per l’adempimento;

9= particolari contratti, in uso nel settore petrolifero, riconducibili alla procedura denominata “netting”.

 

RIEPILOGO: QUALI DOCUMENTI PROCURARSI?

Ad oggi e fino al 31 dicembre 2018 occorre consegnare al consulente fiscale per la registrazione in contabilità (così da dedurre i costi carburante e detrarre la relativa iva) tutti gli scontrini dei pagamenti con carte elettroniche (carta di credito,  bancomat..) o copia dell’e/c della carta di credito, ed ogni altro documento giustificativo di pagamento tracciabile (es: matrice assegno o ricevuta di bonifico).

 

CRITERI VALIDI ANCHE PER LE ALTRE SPESE CONNESSE AI VEICOLI AZIENDALI

La necessità di pagamenti con i mezzi tracciabili come specificato sopra è riferibile non solamente all’acquisto di carburanti, ma a tutte le spese inerenti i veicoli aziendali (manutenzioni e riparazioni, carrozzeria, cambio olio eccetera).

 

 

Maggiori chiarimenti sulla fatturazione elettronica tramite il servizio Contabilità nelle sedi Confesercenti Siena 

seguici su Facebook
Sito conforme agli standard W3C
(World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional

Confesercenti Siena - CF 80006140521 - politica cookie - POLICY PRIVACY