Facebook icona
g+ icona
Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

ALTRE VETRINE Retail, food e novità: anticipazioni da Valencia

Pubblicato il 13 gennaio 2020

Nove format di tendenza in arrivo dal mercato spagnolo

Calle Quart e la vetrina di The Lux

E’ meno grande, meno antica e meno famosa di Madrid e Barcellona. Ma Valencia è la faccia contemporanea dell’”altra Spagna”: moderna oltre che modernista, capace mezzo secolo fa di inventarsi al posto di un fiume (dopo averlo deviato) uno parco urbano esteso per 14 km in lunghezza: e poi, negli anni Duemila, di dar vita ad un’area avveniristica seguendo l’estro di Calatrava, archistar concittadino. Non è rimasta immune agli effetti della crisi post-2008 e dello sboom immobiliare: oggi però, Valencia è d nuovo una realtà dinamica, una finestra sulle tendenze emergenti del  food e dello shopping spagnolo. Alcune delle quali, concepite proprio “in casa”, ovvero in città. Eccone alcune

 

ALE-HOP, la risposta iberica a Tiger

Oggetti superflui, ma intriganti e originali: negli ultimi anni sono stati la chiave del successo per marchi come Tiger o D-mail. Che però non sono gli unici del genere. Nella penisola Iberica  (e anche a Valencia)   si fanno notare i punti vendita di Ale-hop: colpiscono la curiosità di giovani e meno giovani con penne-gatto-boxeur o peluche a forma di…escrementi. Tra Spagna e Portogallo i negozi sono alcune decine: non è chiaro se l’Italia rientra nei piani di espansione.

 

interno di Ale-hop

 

SIMPLE, soldatini di latta alla riscossa

E’ nel cuore della Ciudad vella di Valencia, ma senza dare nell’occhio. Il suo unico punto vendita ha un’insegna poco appariscente, ma anche l’occhio distratto nota l’assortimento insolito: trenini di latta, teste di animali realizzate in vimini, libellule in ceramica… al contrario di Ale-hop, Simple  disdegna oggetti usa e getta: piuttosto, complementi d’arredo durevoli, nei quali apprezzare una storia e un modo di vita personale.  L’ambizione è espressa a chiare lettere nel sito: “puntiamo romanticamente a dar vita ad un negozio a dimensione umana, lontano dai grandi monopoli, centrato su piccoli marchi di tradizione per lo più familiare”.  

 la vetrina di Simple

THE LUX, una scatola per far luce

Non ha marchi di nicchia, piuttosto grandi firme dell’arredo:  nel quartiere delle Torri di Quart, quello per eccellenza votato al design, non passa inosservato. Vuoi per l’url del sito a tutta insegna, per la luminosa vetrina, per gli allestimenti sviluppati in ristoranti, negozi, hotel. The lux  (Light Urban Box) ha uno sguardo internazionale, ma (per ora) ha solo aperto a Valencia, oltre che nel web.

 

CAFE’ CANDELA , somministrare col sorriso

Anche la Spagna ha le sue storie di successo nella torrefazione e somministrazione di caffè. Tra queste c’è Candela, nata nei primi anni 70 come azienda familiare in Galizia, oggi presente in undici città della penisola iberica, e a New York. L’arredo dei locali “parla” di storia: del caffé, e dell'impegno in responsabilità sociale assunto dall’azienda. E il personale sfoggia sorrisi anche quando il cliente rompe…le tazzine.

 

SAGARDI, Baschi nel piatto (e nel mondo)

A pochi passi dall’Ayuntamento, la piazza principale di Valencia, l’ingresso di una cocina vasca è sormontato da una cella frigorifera trasparente: al suo interno,  tagli di bovino altri 3 dita danno l’idea di cosa si prepara in cucina. Sagardi è l’insegna di questo e di un altro ristorante  valenciano: ma gemelli e cugini sono aperti a Madrid, Barcellona, Buenos Aires, Londa e Città del Messico. Tratto distintivo comune: la gastronomia dei Paesi Baschi.

 

PROJECT LOBSTER, start up di larghe vedute

Ecco un esempio di start up giovanile  con buon exito, per dirla alla spagnola. Project Lobster è entrata nel mercato dell’occhialeria con prodotti low cost disegnati e realizzati in proprio , e proposti in punti vendita che evocano le gallerie d’arte. Oltre che sul web, da dove è possibile richiedere 5 giorni di prova a domicilio al costo di 1 euro a montatura. Non ha ancora due anni di vita, e dopo i pdv di Valencia e Barcelona punta ad aprirne  ora altri quindici.

 

GREENFOREST, al bar con lo yoga (e i bambini)

Il parco del Turia dista pochi passi, e forse non è un caso. Per chi ama natura e attività fisiche questa può sembrare un’appendice ideale: non è un bar, uno spazio giochi per bambini, un centro benessere, un bosco: è un po’ di tutto questo insieme. Greenforest è uno spazio punta a far convivere le esigenze di adulti e bambini, che siano di gioco, conversazione o meditazione (si fa anche Yoga). Il legno dell’arredo arriva dal porto di Boston: idea e realizzazione  sono entrambe echas en Valencia.

 

POPPYNS, il non-negozio di abbigliamento

A proposito di concepts ibridi, ecco la fantasia  disneyana applicata al retail. Questo loft nei pressi del Mercato de Colon  è soprattutto un negozio di abbigliamento che strizza l’occhio ai millennials, agli Zeta e ai loro (presunti) valori: ecologia, ideali, introspezione, personalità. Chi entra da Poppyns per la prima volta si stupisce nel trovare agende finemente rilegate, torroni valenciani, caschi da scooter in materia riciclabile, libri di nicchia… e una relax area con caffè. Il sito è la continuazione ideale del pdv (unico, per ora),  o viceversa.   

gli interni di Poppyns 

 

MANOLO el Bombo che suona, fuori e dentro lo stadio

Non proprio un esempio di negozio innovativo, ma quanto a brand extension è un caso scuola. Fuori dal Mestalla  (lo stadio di Valencia) ci si imbatte in un pittoresco bar grondante sciarpe calcistiche, tamburi e fotografie, in gran parte ormai datate. Protagonista ne è Manolo, uno degli inconfondibili tifosi che le telecamere avvistano durante le partite della nazionale spagnola. Questo bar dall’arredo “c’era una volta in Spagna” è il luogo dove il titolare capitalizza decenni di visibilità al seguito delle furie rosse. Tentato dall’idea di realizzare, un paio d’anni el Bombo provò a metterlo in vendita: base di trattativa, 190mila euro…

 

interno de El bombo 

 

Ti E’ PIACIUTO QUESTO CONTENUTO?

Ti interessa ricevere aggiornamenti sulle evoluzioni del commercio e del turismo, ma ancora non sei associato? Keep in touch: iscriviti alla mailing list "Inovazione" di Confesercenti Siena per essere aggiornato sui prossimi eventi.

seguici su Facebook
Sito conforme agli standard W3C
(World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional

Confesercenti Siena - CF 80006140521 - politica cookie - POLICY PRIVACY