Facebook icona
g+ icona
Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

NON SIAMO UNTORI Raccolta di firme

Pubblicato il 15 maggio 2020

Contro la responsabilità penale per i datori di lavoro in caso di contagio da covid-19

 

Le Associazioni di Categoria del Territorio con una sola voce chiedono urgentemente al Governo la revisione dell’Art.42 del d.l. del 17 marzo 2020 n. 18 in merito alla disciplina nel caso di contagio da Covid-19 per un lavoratore che ha ripreso la sua attività a carico del datore di lavoro.


Non è ammissibile, infatti, la regola della presunzione che il contagio sia stato contratto in occasione di lavoro; i datori di lavoro rischierebbero così di trovarsi coinvolti in procedimenti penali con ripercussioni anche in termini di responsabilità amministrativa. L’attivarsi della presunzione implica che il datore debba dimostrare un’interruzione del nesso, concretamenteinfattibile date le multiformi, complesse ed imprevedibili occasioni di contagio da Covid-19.


I datori di lavoro chiedono quindi che sia rivista la norma in questione, escludendo l’ipotesi di contagio da Covid-19 dalla disciplina dell’incidente sul lavoro ed eliminando, quindi, lo scattare della disciplina penale. 

Chiunque abbia un’azienda, piccola o grande, in questo momento sta facendo uno sforzo immenso per cercare di strappare alla forza distruttrice sull’economia scatenata dalla pandemia, la propria azienda costruita spesso sul lavoro di generazioni e l’eventualità di un nuovo rischio quale quello dell’assimilazione del contagio a infortunio sul lavoro indurrà molti imprenditori a rinunciare definitivamente alla prosecuzione delle proprie attività.


Salvare un’azienda vuol dire innanzitutto salvare posti di lavoro, sostentamento alle famiglie, tenuta dell’economia.

Gli imprenditori, come accade quasi sempre in questo paese, sono lasciati soli da tutti i punti di vista, su tutto la mancanza concreta di aiuti economici reali, ma con la norma in questione rischierebbero di subire processi penali sulla base di una colpevolezza indimostrabile, questo è

troppo!


Non siamo untori! No infortunio da Covid-19 nelle imprese!


Le Associazioni attivano una raccolta di firme contro l’assimilazione ad infortunio di eventuali contagi da Covid-19 riscontrati dai lavoratori sui propri canali web.



Confindustria Toscana Sud, Confcommercio Siena, CNA Siena, Confartigianato Siena, Confesercenti SienA


LA RACCOLTA FIRME SI E' CONCLUSA IL 26 MAGGIO. 

CLICCA QUI PER APPROFONDIMENTI SULLA CONSEGNA.



seguici su Facebook
Sito conforme agli standard W3C
(World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional

Confesercenti Siena - CF 80006140521 - politica cookie - POLICY PRIVACY