Facebook icona
g+ icona
Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

DPCM 2 MARZO Cosa cambia fino al 6 aprile

Pubblicato il 03 marzo 2021

Novità pubblicate

dpcm-2-marzo

Nella Gazzetta ufficiale del 2 marzo 2021 è stato pubblicato il Dpcm 2 marzo 2021 contenente nuove misure urgenti per il contenimento dell’emergenza Covid-19.

 

DPCM 2 MARZO: COSA CAMBIA PER LE ATTIVITA’ ECONOMICHE


TUTTE LE ZONE – COMMERCIO BEVANDE IN ASPORTO

Dal 6 marzo cessa il divieto di asporto dopo le ore 18 per gli esercizi di commercio al dettaglio di bevande (codice ATECO 47.25.00)

 

TUTTE LE ZONE – LAVANDERIE IN GALLERIE COMMERCIALI E MERCATI COPERTI

Il Dpcm aggiunge lavanderie e tintorie alle attività la cui apertura in questi spazi è consentita nei festivi e prefestivi, oltre alle attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell'allegato 23,

 

ZONE ROSSE – SERVIZI ALLA PERSONA

Dal 6 marzo nelle zone rosse i servizi alla persona come parrucchieri, barbieri e centri estetici restano chiusi.

 

ZONE GIALLE - MUSEI

Nelle zone gialle resta la possibilità per i musei di aprire nei giorni infrasettimanali, garantendo un afflusso controllato. Dal 27 marzo, possibile l’apertura anche il sabato e nei giorni festivi.

 

ZONE GIALLE - TEATRI, CINEMA E IMPIANTI SPORTIVI

Nelle zone gialle dal 27 marzo possibile riaprire teatri e cinema, con posti a sedere preassegnati, nel rispetto delle norme di distanziamento. La capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all’aperto e 200 al chiuso per ogni sala.

 

ZONE BIANCHE

Nelle zone bianche si mantiene l’applicazione delle misure anti-contagio generali e i protocolli di settore. Restano sospesi gli eventi di assembramento (fiere, congressi, discoteche e pubblico negli stadi).

 

TAVOLO DI CONFRONTO CON LE REGIONI

È istituito un tavolo di confronto presso il Ministero della salute, con componenti in rappresentanza dell’Istituto superiore di sanità, delle regioni e delle province autonome, del Ministro per gli affari regionali e le autonomie e del Comitato tecnico-scientifico, con il compito di procedere all’eventuale revisione o aggiornamento dei parametri per la valutazione del rischio epidemiologico, in considerazione anche delle nuove varianti.

 

 

CHE REGOLE SEGUIRE NEGLI ALTRI CASI?

Per i casi qui non menzionati valgono le disposizioni già entrate in vigore con i precedenti provvedimenti  reiterate dal nuovo Dpcm. Chiarimenti sono disponibili tramite le FAQ della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 

ZONE E COLORI: A COSA CORRISPONDONO?

La definizione dei livelli di rischio per aree territoriali resta quella definita con il Decreto 23 febbraio 2021 n. 15.

 

CHI E QUANDO DECIDE IL COLORE PER LA PROVINCIA DI SIENA?

Fino a domenica 7 marzo compreso vale l’Ordinanza n. 7 della Regione Toscana che applica al nostro territorio le misure da zona rossa. Per i giorni successivi farà testo quanto disporranno entro domenica la stessa Regione Toscana o, in mancanza, il Ministero della Salute.

 

SPOSTAMENTI: QUALI SONO I LIMITI?

Anche in questo caso resta valido quanto definito con il Decreto 23 febbraio 2021 n. 15.

 

DPCM 2 MARZO: COME APPROFONDIRE?

E' suggerita la lettura del provvedimento o l’approfondimento tramite le sedi Confesercenti Siena

seguici su Facebook
Sito conforme agli standard W3C
(World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional

Confesercenti Siena - CF 80006140521 - politica cookie - POLICY PRIVACY