Facebook icona
g+ icona
Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

CONFESERCENTI SIENA, Becchetti ancora Presidente

Pubblicato il 05 aprile 2009

Sarà ancora Graziano Becchetti il Presidente provinciale di Confesercenti per i prossimi 4 anni. Il leader uscente è stato incaricato ierimattina all’unanimità, dall’Assemblea elettiva, di proseguire il lavoro avviato con il primo mandato, avviato nel 2005. Con lui sono stati designati anche i 67 membri della Presidenza provinciale. A loro spetterà il compito di rappresentare le istanze di una parte determinante dell’economia senese. Un gigante in difficoltà, quello del commercio e del turismo, che in Toscana contribuisce a circa il 28 per cento del Pil, e allo stesso tempo rappresenta – secondo Becchetti – “un volano dell’economia locale troppo spesso dimenticato”. Le difficoltà emergono dai numeri: i piccoli negozi toscani nel 2008 hanno accusato una flessione delle vendite del 2 per cento, maggiore di mezzo punto rispetto alla media del Centro Italia; soprattutto, il confronto tra aperture e chiusure dei negozi evidenzia un saldo negativo di 2.000 unità, e non succedeva da anni.

Un fenomeno, secondo il Presidente di Confesercenti, legato a doppio filo con le difficoltà di accesso al credito (“a livello senese le risorse messe a disposizione dalla Fises hanno rappresentato una risposta concreta, ma non esaustiva; è auspicabile che l’esperienza venga presto ripetuta”) ma anche con fenomeni strettamente locali: il trasferimento sulle imprese della fiscalità locale, o la piaga del caro-affitti commerciali: “chi ha un fondo ad uso commerciale nelle nostre strade storiche si renda conto che non si tratta di un giacimento minerario, anche perché se così fosse potrebbe esaurirsi presto”.

Becchetti ha guardato anche alle strategie di sviluppo dei due settori. Coscienti che “dobbiamo andare nel mondo per promuoverci, ma anche per venderci”, sul turismo Confesercenti propone un investimento sulla visibilità via internet, tale da mettere in rete le molteplicità opportunità del nostro territorio e da stimolare interventi più coordinati e redditizi nel settore culturale. Avanti tutta, inoltre, sui Centri commerciali naturali: “possiamo già contare su alcune realtà consolidate in provincia – ha detto Becchetti – esperienze incoraggianti da potenziare anche come terminali dei prodotti di eccellenza del territorio: ad esse dovrebbe ispirarsi la Regione per ritoccare gli interventi in materia di innovazione, ad oggi esclusivamente riservati al manifatturiero”.

L’Assemblea era stata aperta dal saluto del Presidente regionale (e Vicepresidente nazionale) Massimo Vivoli: “Sto assistendo ad assemblee partecipate e preoccupate, nelle diverse Confesercenti della Toscana. Nei mesi scorsi siamo stati critici con la Regione, ma dobbiamo riconoscere che diverse nostre osservazioni sono state accolte nel nuovo Regolamento regionale del Commercio. Adesso ci attendiamo che anche in sede di applicazione territoriale si apra un tavolo di trattativa, tramite l’Anci”.

In chiusura, prima del voto, l’intervento di Marco Venturi: “nel 2008 la crisi nei nostri settori ha già escluso 100mila addetti – ha detto il Presidente nazionale di Confesercenti – le previsioni per i mesi a venire parlano di un aggravamento del quadro, ecco perché il Governo, come il sistema bancario per il credito, non possono ignorare le richieste di una parte importante del paese”. Venturi ha anche stimolato il sistema paese ad incoraggiare una ripresa che passi anche per l’apertura di nuove piccole e medie imprese, specie se giovani, “perché ciò porterebbe iniezioni di fiducia e quindi nuovi consumi”; e alle associazioni del commercio e dell’artigianato ha proposto un “Capranica 2”, puntando a conseguire nuovi risultati di comparto “perché tutti assieme rappresentiamo più imprese di Confindustria”.

Agli stimoli esposti hanno fatto eco alcune delle istituzioni presenti all’Assemblea, nell’Auditorium Confesercenti di Siena. Tra queste Daniela Bindi, Assessore Attività Produttive del Comune di Siena, secondo cui “non possiamo permetterci il calo di presenze turistiche”. Sulla scia della mostra di Sgarbi, Bindi ha preannunciato per il prossimo autunno “un grande contenitore di eventi (tra questi il ritorno del mercato in piazza del Campo) legati alla ricorrenza del Costituto, fino alla primavera del 2010. Per renderli efficaci, abbiamo già avviato un coinvolgimento corale”. Fiorenza Anatrini, referente sul Lavoro per la Provincia di Siena, ha rimarcato la necessità di un impegno affinché formazione ed aggiornamento professionale non siano vissuti come “una scuola di livello minore”.

Roberto Bozzi, sindaco di Castelnuovo Berardenga, ha individuato alcuni dolenti punti comuni tra imprese e pubblica amministrazione locale: : “La burocrazia lamentata dalle imprese assilla anche i comuni. Ritengo inutile richiedere l’effettuazione di 300 carte, se poi quelle carte non le controlla nessuno. Sarebbe più efficace spostare l’attenzione sul controllo posteriore, anziché sulla previsione di nuovi adempimenti”.

Il deputato senese Franco Ceccuzzi ha inoltre annunciato il proprio impegno in Parlamento per l’innalzamento del forfait sugli studi di settore (da 30 a 70mila euro), incoraggiato nel suo intervento anche da Marco Venturi.

Alcune immagini del Congresso Provinciale Confesrcenti Siena.

 

Scarica il file allegato: relaz BECCHETTI 2009.pdf
seguici su Facebook
Sito conforme agli standard W3C
(World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional

Confesercenti Siena - CF 80006140521 - politica cookie - POLICY PRIVACY