Facebook icona
g+ icona
Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

TAX CREDIT SANIFICAZIONE E AMBIENTI LAVORO Cosa è scaduto e cosa no

Pubblicato il 14 settembre 2020

Misure previste dalla legge Rilancio

tax-credit-sanificazione

Rispettivamente fino al 30 novembre 2021  resta possibile beneficiare del  credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro, che riguarda le spese per interventi (anche edilizi) anti-Covid, e per l’acquisto di arredi di sicurezza e apparecchiature di rilevazione: è possibile solo per alcune specifiche categorie (codici ateco).  

 

CREDITO D’IMPOSTA SANIFICAZIONE: LA PERCENTUALE DI SPETTANZA

E’ scaduta lo scorso / settembre invece la possibilità di richiedere il Credito d’imposta per le spese di sanificazione e acquisto dei dispositivi di protezione fino al 7 settembre 2020, spettante ai soggetti esercenti attività d’impresa, arti e professioni, enti non commerciali, compresi gli enti del Terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti, previsto dalla legge Rilancio (articoli 120 e  125).  L’opzione riguardava il 60% delle spese sostenute nel 2020 (per un importo massimo del credito d’imposta di 60.000 euro per ciascun beneficiario), per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, oltre all'acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi volti a tutelare la salute dei lavoratori e degli utenti. Per  beneficiare del credito d’imposta in esame, era necessario l’invio entro il 7 settembre di un’apposita comunicazione, da parte del soggetto beneficiario, all’Agenzia delle entrate, dell’ammontare delle spese ammissibili sostenute e che si prevede di sostenere.

 

 Per chi ha presentato la richiesta, l’ammontare massimo concretamente fruibile sarà pari al credito d’imposta richiesto moltiplicato per la percentuale definita dall’Agenzia delle Entrate. resa nota con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, da emanare entro l’11 settembre 2020. Il provvedimento 11 settembre 2020 prot. n. 302831 infatti ha determinato il coefficiente pari al 15,6423% dell’importo comunicato. Ammesso l’utilizzo in compensazione con F24, ma manca il codice tributo.

 

Approfondimenti tramite il servizio Contabilità nelle sedi Confesercenti Siena.

seguici su Facebook
Sito conforme agli standard W3C
(World Wide Web Consortium)

Valid XHTML 1.0 Transitional

Confesercenti Siena - CF 80006140521 - politica cookie - POLICY PRIVACY