Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

AMBULANTI Recepita la Bolkestein

18 luglio 2012

 

Il 5 luglio la Conferenza unificata dei Servizi ha definitivamente licenziato il testo dell’Intesa per il recepimento della “Direttiva servizi” (Dir. n. 2006/123/CE) o “Direttiva Bolkestein” (così definita in riferimento a Fritz Bolkestein, Commissario Ue nella prima metà degli anni Duemila, che elaborò il testo). Il passo importante e atteso da tempo, perché vengono individuati così i criteri per il rilascio e il rinnovo della concessione dei posteggi per l'esercizio del commercio su aree pubbliche, e le disposizioni transitorie da applicare. L’art.12 della Direttiva infatti, recando disposizioni in materia di selezione tra diversi candidati qualora il numero di autorizzazioni disponibili per una determinata attività sia limitato a causa della scarsità delle risorse naturali, prevedeva che le autorità competenti debbano applicare, in merito, una procedura di selezione. In base all’Intesa stipulata da Stato e Regioni in Conferenza unificata lo scorso 5 luglio, in fase di prima attuazione si applicheranno disposizioni transitorie tali da tener conto della situazione di incertezza che negli ultimi anni si era determinata.
LA FASE TRANSITORIA. Le concessioni di posteggio scadute dopo la data di entrata in vigore del D.lgs. 26 marzo 2010, n.59, e già prorogate, sono ulteriormente prorogate fino all’8 maggio 2017; le concessioni di posteggio che scadono nel periodo compreso fra la data dell’Intesa ed il luglio 2017 sono prorogate fino a tale data.
2017, NUOVA FASE. Alla scadenza delle proroghe di cui si è detto, le regole delle procedure di selezione per l’assegnazione dei posteggi su area pubblica saranno improntate su vari criteri. In particolare, il riconoscimento di una priorità corrispondente ad una valutazione nei limiti del 40% a vantaggio dei soggetti che dimostrino la maggiore anzianità di presenza sul posteggio oggetto della selezione, corrisponderà di fatto ad una garanzia di aggiudicazione della prima selezione successiva alle proroghe, con diritto al rilascio di una ulteriore concessione di posteggio per una durata dai 9 ai 12 anni (quanto meno fino al 2026). Tra gli altri criteri che saranno presi in esame ci sono la disponibilità a garantire la tutela territoriale e la regolarità previdenzisle, contributiva e fiscale. Gli indirizzi specifici saranno forniti dalle Regioni ai Comuni; le nuove concessioni potranno avere durata variabile tra 9 e 12 anni, con un massimo di 2-3 concessioni per lo stesso mercato.
I COMMENTI. Per l’Anva Confesercenti l’Intesa raggiunta equivale ad un riconoscimento non solo dell’esperienza professionale e del valore generato dai commercianti ambulanti, ma anche dell’importanza della categoria nel tessuto economico e sociale del Paese. “In provincia di Siena non meno di 300 piccoli imprenditori aspettavano che questo nodo venisse sciolto – spiega Mario Stolzi, Responsabile Commercio di Confesercenti Siena - se fosse andata diversamente, con una rigida applicazione dei princìpi della ‘Bolkestein’, si sarebbe creata di fatto l’impossibilità per gli operatori di svolgere ordinariamente la propria attività ed un’irreparabile perdita di valore delle rispettive aziende. Oggi invece emergono un po’ più di
certezze e stabilità per gli ambulanti”.

Ti potrebbero interessare anche:

AMBULANTI Il Governo non impugna il tacito rinnovo

Ancora più valore alla legge regionale toscana

13 giugno 2019

AMBULANTI Il rinnovo tacito in Toscana è legge

Approvata oggi: “un grande risultato” secondo Anva Confesercenti    

10 aprile 2019