Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

CORRIDOI TURISTICI COVID-FREE Dove è possibile viaggiare

Travel pass per itinerari possibili in più paesi

31 gennaio 2022

 

corridoi-covid-free

Con Ordinanza 28 settembre 2021, valida fino al 31 gennaio 2022 il Ministro della Salute aveva autorizzato in via sperimentale, i “Corridoi turistici Covid-free” itinerari da e per

  • Aruba
  • Maldive
  • Mauritius
  • Seychelles
  • Repubblica Dominicana
  • Egitto (limitatamente alle zone turistiche di Sharm El Sheikh e Marsa Alam

 

Il 26 gennaio 2022 è stata pubblicata la nuova Ordinanza che aggiunge ai precedenti anche

  • Cuba
  • Singapore
  • Turchia
  • Thailandia (limitatamente all’isola di Phuket)
  • Oman 
    Polinesia francese

 

ed estende la validità dei corridoi turistici al 30 giugno 2022. 

 

 

Scopo dei corridoi è quello di consentire la realizzazione di viaggi turistici controllati, compresa la permanenza presso strutture ricettive selezionate, secondo specifiche misure di sicurezza sanitaria idonee a garantire il rispetto dei protocolli contenuti nel documento “Indicazioni volte alla prevenzione e protezione dal rischio di contagio da COVID-19 nei corridoi turistici Covid-free”, allegato all’Ordinanza.

 

I “Corridoi turistici Covid-free” sono autorizzati ai sensi della sola normativa italiana. Oltre a quanto previsto dall’Ordinanza, è necessario che i viaggiatori continuino a rispettare le disposizioni previste per l’ingresso dalle autorità locali dei Paesi di destinazione (ad esempio, compilazione di formulari di salute pubblica o di localizzazione del passeggero, se richiesti).

 

 

CORRIDOI TURISTICI COVID-FREE: CHI PUO ‘ UTILIZZARLI

Sono autorizzati a spostarsi, a fini turistici, verso i Paesi indicati, esclusivamente i viaggiatori muniti di:

  • certificazione che attesti il completamento del ciclo vaccinale o, in alternativa
  • certificazione di avvenuta guarigione

Tali certificazioni possono essere sotto forma di Green Pass ovvero certificazione equivalente e riconosciuta dall’Italia secondo la normativa vigente.

A inizio novembre il Ministero della Salute ha pubblicato il modello di Travel pass (contenente le informazioni relative agli spostamenti, alla permanenza presso le strutture e alla polizza COVID) da rilasciare al viaggiatore da parte dei tour operator.

 

 

CORRIDOI TURISTICI COVID-FREE: COME FUNZIONANO

Il viaggiatore dotato di certificato vaccinale o di guarigione, in partenza dal territorio nazionale per un soggiorno all’estero nell’ambito di un corridoio turistico Covid-free, deve:

  • sottoporsi a un test molecolare o antigenico condotto con tampone e risultato negativo, nelle quarantotto (48) ore precedenti la partenza;
  • se la permanenza all’estero supera i sette (7) giorni, sottoporsi a ulteriore test molecolare o antigenico in loco;
  • prima di rientrare in Italia, nelle quarantotto (48) ore precedenti l’imbarco, è necessario sottoporsi a un test molecolare o antigenico, condotto con tampone e risultato negativo;
  • all’arrivo in aeroporto in Italia, è necessario sottoporsi a ulteriore test molecolare o antigenico, con risultato negativo.

Se tutti i passaggi su elencati sono rispettati, i viaggiatori sono esentati dal rispetto degli obblighi di sorveglianza sanitaria e di isolamento fiduciario.

 

 

 

CORRIDOI TURISTICI COVID-FREE: APPROFONDIMENTI

 

 

 

PER GLI SPOSTAMENTI VERSO ALTRI PAESI?

per gli altri paesi ExtraUe, fino al 15 marzo valgono le misure già previste.

 

 

E PER GLI ARRIVI IN ITALIA?

Per i viaggiatori provenienti dai Paesi dell’Unione Europea è sufficiente il "green pass" senza obbligo di tampone.

Per chi arriva da paesi extraUE: fino al 15 marzo valgono le misure già previste.

 

 

Immagine: Foto di Free-Photos da Pixabay

 

Ti potrebbero interessare anche:

GUIDA COVID Decreti, restrizioni, aiuti: pagina-orientamento

Il riepilogo di provvedimenti e iniziative

03 ottobre 2022

TURISMO A Chianciano la Conferenza programmatica

Venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2022 Chianciano Terme ospiterà la 1° Conferenza Nazionale Programmatica del Turismo

30 settembre 2022

IMPOSTA DI SOGGIORNO Entro settembre la Dichiarazione

Al 30 settembre la scadenza per le dichiarazioni imposta di soggiorno 2021, da non ripetere se già fatta al Comune

26 settembre 2022