Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

FESTE & FISCO Come dedurre i regali aziendali?

Ecco come gestire gli omaggi ai fini IVA, IRPEF e IRAP

13 dicembre 2023

 

natale-fisco

Come vengono considerati i regali aziendali dal punto di vista fiscale? La gestione contabile degli omaggi varia in funzione del tipo di bene o del soggetto destinatario.

 

REGALI E  IVA

 L’acquisto di beni usati come omaggio per clienti dell’impresa può essere portato in detrazione IVA se tali beni sono comunemente classificabili “spese di rappresentanza”, e se il costo unitario del singolo bene non supera i 50 euro. Questa disciplina vale anche per lavoratori autonomi e professionisti. L’IVA relativa ai beni destinati ai dipendenti è invece indetraibile per mancanza di inerenza con l’esercizio dell’impresa, se i beni in questione non rientrano in quelli oggetto dell'attività di impresa. 

 

REGALI E IMPOSTE

 La deducibilità ai fini Irpef e Ires è integrale se il costo unitario non supera i 50 euro,  nel limite annuo di deducibilità (variabile a seconda che l’interessato sia un impresa o un titolare di partita iva).

 

GLI OMAGGI AI DIPENDENTI

Nel caso di omaggi a dipendenti, che non hanno effetto ai fini IVA, la deducibilità è integrale.

In merito alle erogazioni liberali concesse ai dipendenti per le festività, è necessario distinguere a seconda che le stesse siano in denaro o in natura.

Quelle in denaro concorrono sempre (a prescindere dall’ammontare) alla formazione del reddito del dipendente, e vanno assoggettate a tassazione: fanno eccezione  le somme erogate o rimborsate per le spese relative alle utenze domestiche, equiparate alle erogazioni in natura per i lavoratori con figli a carico ai quali è applicabile il limite di € 3.000.

 

Per quelle in natura il Dl 48/2023 (Decreto lavoro) ha previsto l’aumento a € 3.000 della soglia di non imponibilità dei fringe benefit a favore dei dipendenti con figli a carico. Per chi no ha  figli fiscalmente a carico, si applica la  disciplina generale fissata dal comma 3 dell’art. 51, TUIR: i beni e servizi ricevuti non concorrono alla formazione del reddito imponibile fino alla soglia annua di € 258,23 (oltre la quale si assoggetta l’intero importo).  Il “bonus carburante” previsto dall’art. 1, comma 1, DL n. 5/2023, (“Decreto Trasparenza”) non va considerato per la verifica del superamento o meno del limite.

 

 

LA DEDUZIONE IRAP

Ai fini Irap, gli omaggi sono deducibili fino all'1 per cento dei compensi annui dei lavoratori autonomi: per le aziende dipende dal metodo contabile utilizzato e dal livello di ricavi. 

 

 

APPROFONDIMENTI

. Per chi ha chiaro cosa regalare, ma non del tutto come trattarlo fiscalmente… è possibile rivolgersi al CAF Confesercenti Siena presso le sedi Confesercenti.

Ti potrebbero interessare anche:

RIPARTENZE E SCADENZE Date da tenere d’occhio

Un promemoria sulle scadenze per le attività economiche in calendario.

14 giugno 2024

IMU Come quando e chi deve pagarla

Al 17 giugno l'acconto 2024 per l'Imposta sugli immobili 

17 maggio 2024

DICHIARAZIONE REDDITI Fissate le scadenze 2024

Definite dall'agenzia delle Entrate: presentazione entro settembre per il 730, entro il 15 ottobre per Unico e Redditi

12 aprile 2024