Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

TAX CREDIT GAS E LUCE Come richiederli?

Il riepilogo delle indicazioni (e i modelli utili)

04 aprile 2023

 

TAX-CREDIT-ENERGIA

Come noto, alcuni provvedimenti emanati nei mesi scorsi hanno istituito il credito d'imposta a favore delle imprese per l'acquisto di gas naturale ed energia elettrica,  utilizzabile in compensazione tramite modello F24.

 

Per poter accedere all'agevolazione è necessario che la media dei costi per KWH della "componente energia elettrica" e/o che il prezzo medio del gas naturale  sia superiore al 30% rispetto alla media di quelli relativi al trimestre di riferimento del 2019. 

 

 

 

GLI OBBLIGHI DEI FORNITORI

Le aziende fornitrici di gas ed energia elettrica hanno l'obbligo, su richiesta via Pec da parte del cliente, di fornire i conteggi del credito d'imposta spettante, entro 60 giorni dalla data di scadenza del trimestre di riferimento.

Attenzione:  L’obbligo per i fornitori non vale nei confronti dei nuovi clienti: se nel periodo considerato l'azienda ha cambiato il proprio fornitore di gas o energia elettrica, dovrà provvedere in proprio al conteggio del credito d'imposta spettante, incaricando un tecnico professionista di propria fiducia (geometra, termotecnico ecc….).

 

 

COME RICHIEDERE IL CONTEGGIO AL FORNITORE?

Qui sotto sono disponibili due fac-simile di lettera da inviare via Pec ai fornitori di gas e luce, per ottenere il conteggio del credito d’imposta spettante:

 

Una volta ottenuto l’importo del credito spettante, le aziende che hanno incaricato Confesercenti  Siena di gestire i modelli F24 potranno far pervenire alla propria sede di riferimento i conteggi ricevuti, per procedere nella  gestione del credito.

 

 

LA COMUNICAZIONE DEI CREDITI MATURATI

Con Provvedimento del 16 febbraio 2023, l'Agenzia Entrate aveva definito le modalità di invio della Comunicazione dei crediti d’imposta energetici maturati, unitamente al modello di comunicazione approvato e le relative istruzioni, precisando anche che dal 17 marzo, nel caso in cui l'importo del credito inserito in compensazione in F24 sia superiore all'importo comunicato tramite l'apposito modello, il relativo F24 verrà scartato. Di conseguenza,  i crediti "residui" al 16 marzo 2023 NON comunicati tramite l'apposito modello, di fatto non saranno più utilizzabili in F24.

 

Con provvedimento del 3 aprile 2023 è stato poi approvato il nuovo modello utilizzabile tra il 5 aprile e il 18 dicembre 2023 in relazione alle spese di energia e gas sostenute nel primo trimestre  2023.

 

 

 

Ulteriori ragguagli nelle sedi Confesercenti Siena per le aziende che utilizzano servizio Contabilità .

 

 

Immagine: Foto di Comfreak da Pixabay

Ti potrebbero interessare anche:

CARO ENERGIA Provvedimenti, iniziative, aiuti: pagina guida

Riepilogo di informazioni utili per le attività per affrontare l'emergenza energetica

30 maggio 2023

DECRETO BOLLETTE Novità su sanatoria errori formali e ravvedimento

Convertito in legge il Decreto 34/2023: novità su regolarizzazione errori formali  e ravvedimento speciale

30 maggio 2023

BONUS UNA TANTUM EDICOLE Ecco a chi spetta

Pubblico l'elenco dei beneficiari

18 maggio 2023