Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

TAX CREDIT LIBRERIE Possibile fino al 30 ottobre

Proroga dei termini di una settimana

22 ottobre 2020

 

tax-credit-librerie

Il Ministero Beni Culturali ha comunicato oggi che il tempo utile per la richiesta del tax Credit librerie è stato prorogato fino alle ore 12 del 30 ottobre. 

 

Dallo scorso 24 settembre 2020, le richieste per il 2019 sono presentabili tramite il portale per la registrazione delle domande.

Per quet’anno la dotazione del Tax Credit è molto elevata, anche grazie all'apporto di 10 milioni di Euro ulteriori rispetto alla dotazione di legge. Per registrarsi al portale e concludere la pratica è necessario essere in regola con i seguenti elementi:

   - essere una libreria con codice Ateco prevalente libreria

   - avere fatturato nel 2019 almeno il 70% in libri

   - verificare il nominativo del legale rappresentante

   - verificare che il legale rappresentante sia in possesso della firma digitale

   - avere un consulente o un Caf asseverati alle certificazione della dichiarazioni fiscali. Per gli associati Sil/Confesercenti che hanno la contabilità in Confesercenti, il Caaf nazionale di Confesercenti offre il servizio di certificazione.

 

Per informazioni generali sul Tax Credit è possibile scrivere a sil@confesercenti.it o rivolgersi alle sedi Confesercenti Siena.

Ti potrebbero interessare anche:

ACQUISTI DA BIBLIOTECHE Nuovo stanziamento

Dal Ministero della Cultura finanziamenti alle biblioteche, spendibili per almeno il settanta per cento per l’acquisto di libri presso almeno 3 diverse librerie

26 maggio 2021

LIBRERIE DI QUALITA’ Possibile richiedere l’inserimento in albo

Attivata la procedura per richiedere l’inserimento nell’albo librerie di qualità da parte delle librerie aventi i requisiti stabiliti

04 maggio 2021

COMMERCIO A ROVESCIO Un live streaming sulla ripresa di consumi decaduti

La pandemia rovescia le dinamiche commerciali: prodotti in declino tornano a crescere. E’ davvero così? Confesercenti Siena ha messo a confronto le esperienze di tre imprenditori che vivono di libri