Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

TURISMO Fondo rotativo: possibili incentivi a luglio

Finestra Fri-Tur aperta per tutto il mese

20 maggio 2024

 

fri-tur

Dalle ore 12 del  1° luglio 2024 alla stessa ore del 31 luglio sarà a disposizione delle strutture ricettive una nuova finestra per la presentazione delle domande di contributo a valere sul Bando FRI-TUR.  L'incentivo punta a migliorare i servizi di ospitalità e a potenziare le strutture ricettive, in un’ottica di digitalizzazione e sostenibilità ambientale.

 

Previsto dal PNRR, l’incentivo è promosso dal Ministero del Turismo ed è gestito da Invitalia.

 

 Gli interventi ammissibili devono essere finalizzati a:

  • riqualificazione energetica,
  • riqualificazione antisismica,
  • eliminazione delle barriere architettoniche,
  • manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, installazione di manufatti leggeri,
  • realizzazione di piscine termali (solo per gli stabilimenti termali),
  • digitalizzazione,
  • acquisto o rinnovo di arredi,
  • spese per prestazioni professionali.

 

Il programma di spesa deve essere riferito ad una o più unità dell’impresa richiedente situate sul territorio nazionale e deve prevedere spese ammissibili, al netto dell’IVA, comprese tra 500.000 euro e 10 milioni di euro.

 

 

Sono previste due forme di incentivo:

contributo diretto alla spesa: concesso sulla base degli importi ammissibili delle spese, tenuto conto delle percentuali massime sulla base della dimensione dell’impresa e della localizzazione dell’investimento, coerentemente con i target di attuazione previsti dal PNRR. Percentuale massima: 35% dei costi e delle spese ammissibili;

finanziamento agevolato: concesso da Cassa Depositi e Prestiti ad un tasso nominale annuo pari allo 0,5%, con una durata compresa tra 4 e 15 anni, comprensiva di un periodo di preammortamento della durata massima di 3 anni, a partire dalla data di sottoscrizione del contratto di finanziamento. Si ricorda che è possibile presentare domanda di contributo solo se l’impresa richiedente è in possesso di Delibera Bancaria per la copertura dell’importo finanziato.

 

 

A CHI SONO RIVOLTI GLI INCENTIVI

imprese alberghiere, strutture che svolgono attività agroturistica, strutture ricettive all’aria aperta, imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale, compresi gli stabilimenti balneari, i complessi termali, i porti turistici, i parchi tematici (inclusi i parchi acquatici e faunistici) che al momento della presentazione della domanda presentano i seguenti requisiti:

  • sono iscritte al Registro Imprese;
  • sono in possesso di una positiva valutazione del merito creditizio da parte da parte di una Banca finanziatrice (aderente alla convenzione con CDP) e di una delibera adottata dalla medesima banca per il

finanziamento della domanda di incentivo presentata.

  • gestiscono in virtù di un contratto registrato una attività ricettiva o di servizio turistico in immobili o aree di proprietà di terzi oppure sono proprietari degli immobili presso cui sono esercitati l’attività ricettiva o il servizio turistico;
  • non siano in stato di fallimento;
  • in regola con il DURC;
  • in regime di contabilità ordinaria;
  • si trovano in situazione di regolarità fiscale.

 

FONDO ROTATIVO: COME APPROFONDIRE

Maggiori informazioni tramite il servizio Credito nelle sedi Confesercenti Siena

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

ECONOMIA SENESE la crescita e le incognite

Presentati i dati della Giornata annuale in Camera di commercio: nel complesso andamento positivo, ma vari indicatori suggeriscono interventi

21 giugno 2024

RICETTIVI e LOCAZIONI TURISTICHE In arrivo il CIN, nuovi requisiti di sicurezza

Via alla sperimentazione in Puglia (seguiranno le altre regioni) per l’obbligo di richiedere ed esporre negli annunci online il Codice Identificativo Nazionale (CIN), e nuovi adempimenti in tema di sicurezza.

17 giugno 2024

TURISMO Hotel o appartamento? Adempimenti a confronto

Cosa prevede la normativa per locazioni turistiche brevi e strutture ricettive imprenditoriali? Una panoramica allo stato attuale

14 giugno 2024