Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

ASPORTO E DOMICILIO Attenzione alle diverse aliquote Iva

Con la legge di Bilancio 2021 cambia l’applicazione agevolata

08 marzo 2021

 

asporto-iva

In seguito alle disposizioni di emergenza, In determinati scenari epidemiologici gli esercizi abilitati alla somministrazione alimenti e bevande, possono effettuare la loro attività esclusivamente in modalità da asporto o consegna a domicilio. In questi casi il DPR 633/72 prevede applicazione iva con aliquote differenziate rispetto alla somministrazione (consumo) presso il locale stesso.

  

  • la somministrazione di alimenti e bevande è assoggettata all’aliquota del 10 per cento, ai sensi del n. 121) della Tabella A, Parte III, allegata al D.P.R. n. 633 del 1972;

 

  • l’asporto e/o la consegna a domicilio, invece, sono assimilati alla “cessione di beni ”: l’aliquota applicabile varia in dipendenza della singola tipologia di bene alimentare venduto.

 

IVA SU ASPORTO E DOMICILIO: LA NOVITA' DELLA LEGGE DI BILANCIO

La legge di Bilancio 2021 ha previsto che sia applicata comunque l’iva agevolata al 10 % per le “preparazioni alimentari”, ovvero per le cessioni di piatti pronti e di pasti che siano stati cotti, arrostiti, fritti o altrimenti preparati in vista del loro consumo immediato, della loro consegna a domicilio o dell’asporto.

 

La novità non riguarda le bevande (e tra queste, caffè o cappuccini). Quindi, a titolo esemplificativo, in caso di asporto

di un primo piatto: iva 10 %

di una birra: iva 22 %

di frutta: iva 4 %.

 

 La nuova norma ha forma di interpretazione autentica,  con valore retroattivo: va a sanare quindi anche i casi di chi in passato ha applicato l’aliquota agevolata sui preparati alimentari in asporto o domicilio.

 

Per effettuare contabilmente il servizio di asporto o consegna a domicilio i pubblici esercizi interessati devono avere attivo sul proprio Registratore Telematico il tasto “ASPORTO” o i tasti differenziati per aliquote iva dei prodotti venduti.

 

IL CASO-GNOCCHI ALLO SPECK

Un caso limite di diversa applicazione di aliquote ad  alimenti a seconda delle circostanze è quello evidenziato dall'Agenzia delle Entrate in risposta ad un interpello di inizio 2021: agli gnocchi nel cui impasto c’è lo speck va applicata l’aliquota del 4% (sia in asporto che non) perché in questo caso è considerata “pasta ripiena” e non “fresca”, che invece comporterebbe l’aliquota del 10 per cento.  

 

IVA SU ASPORTO E DOMICILIO:  PER SAPERNE DI PIU'

Approfondimenti tramite il servizio Contabilità nelle sedi Confesercenti Siena.

Ti potrebbero interessare anche:

RIPARTENZE E SCADENZE Date da tenere d’occhio

Un promemoria sulle scadenze per le attività economiche in calendario.

18 gennaio 2022

GUIDA COVID Decreti, restrizioni, aiuti: pagina-orientamento

Il riepilogo di provvedimenti e iniziative

14 gennaio 2022

COVID Cosa fare se in azienda c'è un positivo?

Qui le Linee guida delineate della Regione Toscana per la gestione di un “caso Covid19” in azienda

10 gennaio 2022