Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

Contributo Conai su importazioni: scadenza 20 gennaio

Anche chi non supera le soglie di pagamento è tenuto all’iscrizione

03 gennaio 2023

 

packaging

E’ fissata al 20 gennaio la scadenza 2023  per il contributo Conai, dovuto da chi importa merci imballate dall’estero (sia da paesi UE o extra UE). Queste le aliquote da calcolare sul valore complessivo delle importazioni al netto di IVA e spese di trasporto:

 

  • Importazioni di prodotti alimentari: 0, 17% 
  • Importazioni di prodotti NON alimentari: 0,08% 

 

Le dichiarazioni del contributo ambientale devono essere effettuate telematicamente sul sito www.conai.org tramite la compilazione on-line del modulo 6.2.

 

Le aziende tenute ad un contributo ambientale superiore a 3.000,00 € (e fino a 31.000) dovrà effettuare dichiarazioni con periodicità trimestrale.

la periodicità diventa mensile se il contributo ambientale da versare è superiore a 31.000,00 €.

 

 

PROCEDURA FORFETARIA

Per gli importatori di imballaggi pieni con un volume di affari fino a 2.000.000 di Euro è stata introdotta dal 2020, in alternativa, una nuova procedura semplificata basata sul fatturato dell’anno precedente. Per tali imprese è possibile determinare il Contributo Ambientale forfetario sulla base del fatturato dell’anno precedente a quello della dichiarazione.

 

La richiesta di applicazione di tale ulteriore procedura semplificata per gli importatori di imballaggi pieni dovrà essere presentata dal 1° al 30 settembre dell’anno di competenza.

Questa procedura è utilizzabile anche per regolarizzare periodi pregressi per i quali siano state omesse le dichiarazioni del contributo ambientale per importazioni di merci imballate.

 

 

ESCLUSIONI DAL PAGAMENTO DEL CONTRIBUTO AMBIENTALE

le imprese il cui contributo ambientale risulti inferiore a 300,00 € sul totale degli imballaggi importati, sono ESENTI dal pagamento del contributo e da qualsiasi adempimento. Devono però eseguire verifiche annuali rispetto al non superamento della soglia di esenzione.

 

 

OBBLIGATORIETA’ DELL’ISCRIZIONE A CONAI

A tutte le imprese commerciali è comunque richiesta l’iscrizione a Conai entro 30 giorni dall’inizio dell’attività versando una quota fissa di 5,16 € oltre ad una piccola quota variabile se e quando dovuta.  La mancata iscrizione comporta il rischio di una sanzione da 5mila euro.

 

 

ESCLUSIONE DALL’OBBLIGO DI ISCRIZIONE A CONAI

Non sono tenute ad iscriversi a CONAI le imprese che non cedono ai clienti merci imballate.

Tra queste imprese, che CONAI chiama "utenti finali", a titolo esemplificativo rientrano:

  •   ristoranti e pizzerie che non effettuano vendita per asporto;
  • alberghi senza servizio bar;
  •  imprese di servizio, ecc.

 

L'esclusione, però, viene meno qualora dette imprese:

  • acquistano direttamente dall'estero merci imballate per l'esercizio della propria attività;
  •  affiancano all'attività prevalente un'attività commerciale (anche in misura marginale) che comporta la cessione di merci imballate.

 

 

IMBALLAGGI: IL RIEPILOGO DEGLI ADEMPIMENTI

Per un quadro completo degli adempimenti relativi agli imballaggi che interessano le imprese CLICCARE QUI.

 

 

Maggiori informazioni tramite il servizio Ambiente presso le sedi Confesercenti Siena.

Ti potrebbero interessare anche:

RIPARTENZE E SCADENZE Date da tenere d’occhio

Un promemoria sulle scadenze per le attività economiche in calendario.

31 gennaio 2023

IMBALLAGGI Quali adempimenti spettano al commerciante?

Il riepilogo degli adempimenti dovuti da distributori e altre categorie

05 dicembre 2022