Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

PRIVACY Esteso alle utenze mobili il registro opposizioni - servizio attivo

Più vincoli per il telemarketing

27 luglio 2022

 

registro-opposizioni

Nella Gazzetta ufficiale del  29 marzo 2022, era stato pubblicato il Decreto presidenziale che prevedeva di estendere ai cellulari l'ambito di applicazione del Registro pubblico delle opposizioni (RPO), permettendo l'iscrizione al servizio delle utenze mobili e fisse non presenti negli elenchi telefonici pubblici al fine di escludere tali utenze da chiamate per finalità di marketing telefonico secondo quanto previsto dalla Legge n. 5/2018. 

 

Il servizio è attivo ed operativo dal 27 luglio. Nell'ambito di applicazione sono incluse anche le chiamate automatizzate ("robocall"), ovvero quelle senza operatore umano, sanando così una potenziale criticità per l'efficacia della riforma del telemarketing.

 

I cittadini possono accedere al nuovo servizio tramite tre modalità: sito web, telefono (con la possibilità di parlare con un operatore umano in caso di difficoltà nell'iscrizione), email. Una volta effettuata l'iscrizione, gli utenti potranno utilizzare alcune nuove funzionalità: il rinnovo dell'iscrizione, con cui sarà possibile far decadere i consensi precedentemente rilasciati per telemarketing, e la revoca dell'iscrizione, anche solo nei confronti di uno o più aziende ("revoca selettiva").

 

Per contro, gli operatori di telemarketing saranno obbligati a consultare mensilmente il nuovo Registro e comunque prima dell'avvio di ogni campagna pubblicitaria per verificare i numeri che intendono contattare.

 

Resta invariata la possibilità di opporsi al marketing cartaceo verso gli indirizzi postali presenti negli elenchi telefonici per tutti i cittadini che hanno deciso di pubblicarli in tali elenchi in associazione alle proprie numerazioni.

 

Altri dettagli sul sito del Registro.

 

 

Foto di Peggy und Marco Lachmann-Anke da Pixabay

Ti potrebbero interessare anche:

GDPR Multe in aumento sulla privacy

Italia prima per importi su scala europea

08 ottobre 2020

GDPR e privacy un anno dopo: sanzioni per chi non è in regola

Concluso il periodo di tolleranza normativa

04 giugno 2019