Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

GSTC La Guida ai vantaggi della certificazione di sostenibilità per strutture ricettive

Disponibile in versione cartacea e digitale

13 novembre 2023

 

guida-gstc

Per comunicare in maniera credibile al mercato la sostenibilità di un’offerta turistica, lo strumento più riconosciuto è quello della certificazione. E’ la convinzione con cui si apre la “Guida ai vantaggi dello standard internazionale GSTC per strutture ricettive”, realizzata da Confesercenti Siena e Etifor. In 18 pagine sono illustrati i vantaggi, le modalità e le testimonianze di chi ha già sperimentato un percorso che può rappresentare un importante fattore di competitività per le imprese turistiche: Secondo uno studio sul turismo sostenibile in Italia realizzato da Deloitte nel 2022, infatti, la maggioranza degli italiani sembra essere propensa a pagare un premium price per alloggiare in strutture con chiare politiche di sostenibilità: il 52% degli intervistati dichiara di essere disposto a spendere dal 5 al 10% in più, mentre il 19% si pingerebbe fino al 15-20% in più.

 

In questo contesto, per creare un linguaggio comune e definire univocamente il concetto di turismo sostenibile in tutti i suoi aspetti, l’organizzazione non governativa del Global Sustainable Tourism Council (GSTC) ha definito e gestisce uno standard internazionale basato su criteri di sostenibilità applicabile a tutti gli operatori del sistema turistico. Le verifiche di conformità ai criteri definiti dallo standard GSTC vengono condotte da un ente di certificazione indipendente e accreditato. Questo standard è riconosciuto a livello internazionale: la certificazione GSTC rientra tra quelle riconosciute da Booking.com e Google per la sostenibilità delle strutture ricettive, e l’adozione di questo standard permette di entrare in un network di innovatori con attori e partner internazionali.

 

CHI HA GIA’ OTTENUTO LA CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITA’ GSTC?

Da Bolzano a Cerreto Guidi, da San Vigilio di Marebbe a Montepulciano, varie strutture ricettive hanno già intrapreso il percorso di certificazione GSTC. Parallelamente, sono cominciate anche le adesioni di sistema: così nel febbraio 2023 la città di Siena è diventata la prima città italiana ad essere certificata come destinazione per il turismo sostenibile.  La certificazione ha una validità di 3 anni, e sarà oggetto di verifiche annuali da parte degli auditors dell’ente certificatore.

Nei mesi successivi, anche il Comune di Montepulciano ha avviato il percorso verso la GSTC, e nell’Ambito Turistico Terre di Siena si ipotizza l’estensione della certificazione dal Comune capoluogo agli altri confinanti.

 

STRUTTURE RICETTIVE E CERTIFICAZIONE DI SOSTENIBILITA’: COME SAPERNE DI PIU’?

Per le strutture interessate ad avviare il percorso, o semplicemente a saperne di più, è ora disponibile la pratica GUIDA “PER UN TURISMO SOSTENIBILE CERTIFICATO”, realizzata da Confesercenti Siena e ETIFOR, lo spin off dell’Università di Padova che ha accompagnato la destinazione Comune di Siena alla certificazione, dopo aver condiviso con Confesercenti un progetto sperimentale sulla rilevanza di questa tipologia di certificazione.

 

La guida ora pubblicata segue di un anno il primo webinar informativo realizzato sul tema.  Per gli interessati è quindi possibile

Ti potrebbero interessare anche:

TURISMO Le attese per il ponte dell'Immacolata

Previsioni CST:  per il periodo 8-10 dicembre presenze superiori alla media toscana

07 dicembre 2023

APERIDEE Assaggi di futuro prima di cena

Scambio di esperienze e occasioni di assaggio: ecco Aperidee, serie di incontri nei pubblici esercizi aderenti a Vetrina Toscana

30 novembre 2023

APERIDEE L'aria che tira a Montepulciano, tra clima e biodiversità

Al Caffè Poliziano  gli assaggi di futuro prima di cena: testimonianze a confronto su cambio climatico, problemi e opportunità

30 novembre 2023