Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

DPCM 3 NOVEMBRE Ulteriori restrizioni

Valide dal 6 novembre al 3 dicembre

05 novembre 2020

 

dpcm_3-novembre

E’ stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il Dpcm 3 novembre 2020 (e relativi allegati) contenente nuove misure ulteriormente restrittive connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19. Il Dpcm sarà in vigore dal 6 novembre al 3 dicembre 2020. 

 

 Queste le principali novità d'interesse delle attività economiche:

 

TERRITORIO NAZIONALE (articolo 1)

SPOSTAMENTI

Dalle ore 22.00 alle ore 5.00 del giorno successivo consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. Fortemente raccomandato, per la restante parte della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.

Può essere disposta per tutta la giornata o in determinate fasce orarie nei centri urbani, la chiusura al pubblico, delle strade o piazze dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso, e deflusso, agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private.

 

ATTIVITA’ ECONOMICHE

SALE GIOCHI- SCOMMESSE-BINGO: SOSPESE (la sospensione vale ANCHE PER LE ATTIVITA’ DI GIOCO ESERCITATE IN MODO PROMISCUO all’interno di pubblici esercizi, tabacchi, attività ricettive e commerciali).

 

MUSEI MOSTRE ISTITUTI DI CULTURA: SOSPESI

 

ESERCIZI COMMERCIALI ALL’INTERNO DI CENTRI COMMERCIALI E DI MERCATI: SOSPESI nei GIORNI FESTIVI E PREFESTIVI, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari (in sede fissa o ambulante), tabacchi ed edicole.

 

ATTIVITA’ DI RISTORAZIONE ( bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie): CONSENTITE DALLE ORE 5 ALLE 18. il consumo al tavolo per un massimo di 4 persone, salvo che non siano conviventi.

Dopo le ore 18 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico. Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi limitatamente ai clienti dell'albergo.

Resta consentito l'asporto fino alle ore 22 con il divieto di consumo sul posto e nelle adiacenze.

Consentita la consegna a domicilio senza limiti di orario nel rispetto dei protocolli

 

 ATTIVITA’ SPORTIVE: interdetto l’uso degli spogliatoi presso i circoli sportivi pubblici o privati.  


ACCESSO ESERCIZI COMMERCIALI: Per locali fino a quaranta metri quadrati una persona alla volta più due operatori;
Per locali di dimensioni superiori in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita.


ZONE SCENARIO TIPO 3 (art. 2)

SPOSTAMENTI

Vietati in entrata e in uscita dalla Regione salvo comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

Vietati in un Comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione con mezzi di trasporto pubblici o privati salvo comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

In entrambi i casi i divieti possono essere derogati per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune

 

ATTIVITA’ DI RISTORAZIONE ( bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie):  SOSPESE eccetto mense e catering continuativo su base contrattuale ed in esercizi in aree di servizio autostradali, ospedali, aeroporti, sempre nel rispetto dei protocolli

Consentito l'asporto fino alle ore 22 con il divieto di consumo sul posto e nelle adiacenze.

Consentita la consegna a domicilio senza limiti di orario, nel rispetto dei protocolli

 

Il Ministero della Salute può emettere ordinanza di esenzione dai divieti per specifiche parti del territorio regionale, sentito il Presidente della Regione.

 

 

ZONE SCENARIO TIPO 4 (Art. 3)

SPOSTAMENTI

Vietati in entrata e in uscita dalla Regione

Vietati in entrata e in uscita dallo stesso Comune e anche al suo interno

In entrambi i casi i divieti possono essere derogati per comprovate esigenze lavorative, , per motivi di salute, per situazioni di necessità, per assicurare didattica in presenza, per rientrare al proprio domicilio, abitazione o residenza. Consentito il transito se necessario per raggiungere territori non soggetti a tali restrizioni di spostamento.

 

COMMERCIO AL DETTAGLIO: SOSPESO  ad eccezione della vendita  di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 23, che sono consentite sia negli esercizi di vicinato che nelle medie e grandi strutture di vendita, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l'accesso solo a tali attività e ferme restando le chiusure nei giorni festivi e prefestivi previste per il territorio nazionale. Restano aperti anche i tabaccai, le farmacie e le parafarmacie e le edicole

 

MERCATI: SOSPESI salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari

 

ATTIVITA’ DI RISTORAZIONE ( bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie):  SOSPESE eccetto mense e catering continuativo su base contrattuale, nel rispetto dei protocolli, esercizi in aree di servizio autostradali, ospedali, aeroporti, nel rispetto dei protocolli

Consentito l'asporto fino alle ore 22 con il divieto di consumo sul posto e nelle adiacenze.

Consentita la consegna a domicilio senza limiti di orario, nel rispetto dei protocolli

 

ATTIVITA’ SPORTIVE : SOSPESE tutte le attività previste dall'articolo 1, comma 9, lettere f) e g), anche svolte nei centri sportivi all'aperto, e tutti gli eventi e le competizioni organizzati dagli enti di promozione sportiva.

 

ATTIVITA’ MOTORIA INDIVIDUALE: CONSENTITA in prossimità della propria abitazione purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, e  lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale

 

ATTIVITA’ DI SERVIZI ALLA PERSONA: CONSENTITE SOLO QUELLE INDICATE DALL’ALLEGATO 24 (lavanderie e saloni di barbiere e parrucchiere)

 

 

REGIONI, "ZONE" e "SCENARI": QUALI SONO?

L’individuazione delle zone a maggiore restrizione  (“SCENARIO TIPO 3" O "TIPO 4") è rimessa a specifiche Ordinanze del Ministero della Salute, con validità di 15 giorni dal giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

la prima ordinanza (4/11/2020) non ha inserito nelle zone a maggiore restrizione la Toscana, dove si applicano quindi le disposizioni dell’articolo 1 (“territorio nazionale”).

 


Questa la panoramica, suscettibile di aggiornamento, delle principali misure del provvedimento. Si suggerisce la  lettura integrale e l'approfondimento tramite le sedi Confesercenti Siena.

Ti potrebbero interessare anche:

CVIRUS Decreti, restrizioni, aiuti: pagina-guida

Il riepilogo di provvedimenti e iniziative

23 settembre 2021

GREEN PASS E LAVORO Decreto pubblicato

Nella Gazzetta ufficiale del 21 settembre 2021 il Decreto Legge 127, con disposizioni sul Green pass obbligatorio per lo svolgimento di mansioni lavorative, e nuovi sostegni per lo sport.

22 settembre 2021

DL, Dpcm, Ordinanze, FAQ…che significa?

Guida minima ai provvedimenti che ci riguardano

21 settembre 2021