Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

GUIDE TURISTICHE Modifiche alla disciplina della professione

Le introduce la conversione del Decreto Pnrr

02 maggio 2024

 

guide-turistiche

Nela Gazzetta ufficiale del 30 aprile 2024 è stata pubblicata la legge 29 aprile 2024 n. 56 di conversione, con modificazioni, del D.L. 2 marzo 2024 n. 19 (D.L. PNRR) che  all’art. 8  comma 17 bis apporta modifiche alla legge 13 dicembre 2023 n. 190 di disciplina della professione di guida turistica, entrata in vigore lo scorso 17 dicembre. Le modifiche sono state inserite in seguito alle segnalazioni della Commissione Europea che ha ritenuto il testo della legge in contrasto con i principi comunitari.

 

Queste in sintesi le novità introdotte:

  • non è più obbligatoria la copertura assicurativa a garanzia della responsabilità civile professionale per l'esercizio della professione di guida turistica
  • In sede di esame, è richiesta la conoscenza di una sola lingua straniera e non più di due
  • Sono stati esonerati dall'obbligo di verifica della conoscenza linguistica coloro che hanno conseguito nella lingua straniera, all'esito di un corso di studi tenuto presso un istituto scolastico o universitario straniero, un diploma di scuola secondaria o altro diploma dichiarato equipollente o equivalente dalle competenti autorità oppure un titolo di studio superiore riconosciuto ai sensi della normativa vigente.
  • Per accedere all’esame di abilitazione non è più richiesto il requisito minimo della laurea triennale, ma è possibile accedere con il diploma di istruzione secondaria di secondo grado o altro diploma dichiarato equipollente o equivalente dalle competenti autorità oppure una laurea triennale ovvero una laurea specialistica, magistrale o del vecchio ordinamento.
  • Non sono più richieste le certificazioni della conoscenza delle lingue, d’ora in poi accertate direttamente in sede di esame.
  • Nell’elenco nazionale è inserita l’indicazione dell’adempimento dell’obbligo di aggiornamento da parte della guida turistica, con indicazione dell’ultima data di adempimento di tale obbligo. Tale informazione è soggetta ad aggiornamento.
  • L’integrazione della formazione mediante una misura compensativa, richiesta per il riconoscimento del titolo professionale ottenuto in un altro Paese UE, dello SEE o in Svizzera, viene definita “eventuale”. Pertanto, la misura compensativa sarà applicata soltanto nei casi in cui il Ministero del turismo ritenga che la formazione conseguita dal professionista in altro Paese richieda un’integrazione.
  • La durata del tirocinio di ventiquattro mesi viene individuata come durata massima (anziché almeno 24 mesi)
  • La prova attitudinale quale misura compensativa per il riconoscimento del titolo professionale conseguito in un Paese membro dell’Ue o extra UE è indetta dal Ministero del turismo e consiste nello svolgimento di una prova scritta e di una prova orale, volte a verificare le conoscenze professionali e le competenze linguistiche possedute dal richiedente, ai sensi dell'articolo 4, comma 1.
  • La dichiarazione preventiva del soggetto che intende svolgere la professione in Italia in regime di libera prestazione di servizi dovrà essere inviata all’atto della prima prestazione e avrà una durata di dodici mesi. A seguito di tale modifica, non è più prevista la presentazione della dichiarazione prima di ogni accesso del soggetto in Italia, rendendo perciò più difficile accertare il carattere temporaneo e occasionale della prestazione. Se la dichiarazione è presentata una volta sola al primo accesso, non sarà infatti possibile accertare il numero di ingressi in Italia e la durata delle prestazioni del soggetto in libera prestazione di servizi.
  • Soppresso il riferimento alle misure interdittive all’esercizio della professione da adottare in caso di inadempimento dell’obbligo di aggiornamento, previsto al comma 3 del medesimo art. 7.
  • il divieto di avvalersi, anche mediante l'uso di piattaforme digitali, ai fini dello svolgimento delle attività proprie delle guide turistiche, di soggetti che non siano iscritti nell'elenco nazionale; il divieto si applica alle agenzie di viaggio, ai tour operator e a ogni altro intermediario “di servizi turistici”.
  • l’obbligo di indicare il numero di iscrizione nell'elenco nazionale della guida turistica che presta la propria attività si applica “alle agenzie di viaggio, ai tour operator e a ogni altro intermediario di servizi turistici”.

 

 

Dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, l’attuazione della riforma normativa sarà ora subordinata alla pubblicazione dei provvedimenti attuativi del Ministero del turismo.

 

LA VALUTAZIONE DI FEDERAGIT

Secondo la federazione delle Guide Turistiche di Confesercenti, a seguito delle modifiche, la disciplina della professione di guida turistica risulta snaturata e appaiono più lontani gli obiettivi di professionalizzazione  del settore, di tutela del consumatore e di lotta all’abusivismo. Alcuni importanti aspetti della disciplina della professione di guida turistica, così come delineata dalla legge n. 190/2023, sono stati profondamente modificati.

Pur rammaricandosi del fatto che i risultati del lavoro svolto in collaborazione con gli uffici tecnici del Ministero negli ultimi mesi siano stati in parte disattesi, Federagit ritiene comunque importante per la categoria che la riforma normativa della professione sia portata a termine e resa effettiva con l’emanazione dei provvedimenti attuativi.

 

 

APPROFONDIMENTI

Nell'allegato qui sotto è ricostruito il testo della legge 13 dicembre 2023 n. 190 alla luce delle modifiche apportate con la legge 29 aprile 2024 n. 56. 

 

Approfondimenti per i soggetti associati, tramite le modalità a distanza e le sedi Confesercenti Siena.

 

Ti potrebbero interessare anche:

ECONOMIA SENESE la crescita e le incognite

Presentati i dati della Giornata annuale in Camera di commercio: nel complesso andamento positivo, ma vari indicatori suggeriscono interventi

21 giugno 2024

RICETTIVI e LOCAZIONI TURISTICHE In arrivo il CIN, nuovi requisiti di sicurezza

Via alla sperimentazione in Puglia (seguiranno le altre regioni) per l’obbligo di richiedere ed esporre negli annunci online il Codice Identificativo Nazionale (CIN), e nuovi adempimenti in tema di sicurezza.

17 giugno 2024

TURISMO Hotel o appartamento? Adempimenti a confronto

Cosa prevede la normativa per locazioni turistiche brevi e strutture ricettive imprenditoriali? Una panoramica allo stato attuale

14 giugno 2024