Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

RIFIUTI Procedura per non pagare due volte

Opzione da esercitare entro il 31 maggio

20 aprile 2021

 

rifiuti

Evitare di dover pagare due volte lo smaltimento rifiuti. E' la possibilità che offre entro il 31 maggio la procedura delineata dall'’art. 12, comma 3, del D. Lgs. 3 settembre 2020, n. 116, e dal recente Decreto Sostegni. Le utenze non domestiche che producono rifiuti urbani di cui all'articolo 183 comma 1, lettera b-ter) punto 2 del D.Lgs. n. 152/2006 (rifiuti indifferenziati e da raccolta differenziata provenienti da altre fonti che sono simili per natura e composizione ai rifiuti domestici indicati nell'allegato L-quater prodotti dalle attività riportate nell'allegato Lquinquies), che li conferiscono al di fuori del servizio pubblico e dimostrano di averli avviati al recupero mediante attestazione rilasciata dal soggetto che effettua l'attività di recupero dei rifiuti stessi sono escluse dalla corresponsione della componente tariffaria rapportata alla quantità dei rifiuti conferiti; le stesse utenze effettuano la scelta di servirsi del gestore del servizio pubblico o del ricorso al mercato per un periodo non inferiore a cinque anni, salva la possibilità per il gestore del servizio pubblico, dietro richiesta dell'utenza non domestica, di riprendere l'erogazione del servizio anche prima della scadenza quinquennale.

 

QUANDO COMUNICARE LA SCELTA

Tale scelta deve essere comunicata al Comune, o al gestore del servizio rifiuti in caso di tariffa corrispettiva, entro il 31 maggio di ciascun anno.

 

 

QUALI ATTIVITA' POSSONO COMUNICARLA

Le attività interessate sono le seguenti:

1. Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto.

2. Cinematografi e teatri.

3. Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta.

4. Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi.

5. Stabilimenti balneari.

6. Esposizioni, autosaloni.

7. Alberghi con ristorante.

8. Alberghi senza ristorante.

9. Case di cura e riposo.

10. Ospedali.

11. Uffici, agenzie, studi professionali.

12. Banche ed istituti di credito.

13. Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta, e altri beni durevoli.

14. Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze.

15. Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato.

16. Banchi di mercato beni durevoli.

17. Attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista.

18. Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista.

19. Carrozzeria, autofficina, elettrauto.

20. Attività artigianali di produzione beni specifici.

21. Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub.

22. Mense, birrerie, hamburgherie.

23. Bar, caffè, pasticceria.

24. Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari.

25. Plurilicenze alimentari e/o miste.

26. Ortofrutta, pescherie fiori e piante, pizza al taglio.

27. Ipermercati di generi misti.

28. Banchi di mercato generi alimentari.

29. Discoteche, night club.

 

Chiariti gli aspetti relativi alla riduzione della quota variabile della TARI per le utenze non domestiche, proporzionalmente alle quantità dei rifiuti autonomamente avviati a recupero, è opportuno rilevare che per le stesse utenze non domestiche resta a carico il versamento della TARI relativa alla parte fissa, calcolato sui servizi forniti indivisibili.

 

Approfondimenti tramite il servizio Ambiente e sicurezza nelle sedi Confesercenti Siena

Ti potrebbero interessare anche:

#DIETROLAVETRINA Turismo sostenibile, materia prima: coerenza

Strutture ricettive intorno a Siena verso la certificazione Gstc: il Panoramic di Montepulciano esperienza pilota

21 ottobre 2022

La certificazione GSTC per il turismo: opportunità per le aziende e il territorio

Agire contro la crisi climatica, e non solo: i vantaggi per gli operatori del turismo illustrati in un webinar martedì 11 ottobre

05 ottobre 2022

COVID Strumenti di prevenzione aziendale

I modelli per la verifica del green pass, il protocollo anticontagio, i registri, le autocertificazioni Covid 19

09 novembre 2021