Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

RISTORI SPETTACOLO Richieste possibili

Fino a fine settembre in Toscana

12 settembre 2022

 

ristori-spettacolo

Sono aperte le domande per il nuovo "bando ristori" attivato dalla Regione Toscana per dare sostegno al settore dello spettacolo, pesantemente colpito dalla pandemia.

 

 

RISTORI SPETTACOLO: I SOGGETTI BENEFICIARI

Possono fare richiesta

 

a) Le imprese, le associazioni culturali senza scopo di lucro riconosciute e non riconosciute, le istituzioni, gli enti del terzo settore attivi nei settori dello spettacolo dal vivo, in possesso dei seguenti requisiti specifici:

1) avere sede operativa in uno dei Comuni della Toscana;

2) risultare formalmente costituiti alla data del 31 dicembre 2019 o, in caso di sopraggiunte e più recenti variazioni nella forma giuridica e statutaria, poter documentare una continuità di attività anteriore al 31 dicembre 2019;

3) risultare iscritti alla Camera di commercio industria artigianato e agricoltura (se soggetti ad obbligo di iscrizione);

4) aver subito nell’anno 2020, rispetto all’anno 2019, una perdita pari ad almeno il 30 per cento del proprio fatturato ovvero delle entrate derivanti dalla propria attività (per i soggetti in possesso di partita IVA il dato si desume dal quadro VE della Dichiarazione IVA per gli anni 2019 e 2020; per i soggetti che non presentano Dichiarazione IVA, tra cui rientra chi è in regime forfettario o di vantaggio e gli occasionali, il dato si desume dal quadro RL della Dichiarazione dei redditi);

5) non aver ricevuto il contributo ordinario per il triennio 2018-2020 a valere sul Fondo unico per lo spettacolo di cui alla legge n. 163 del 30 aprile 1985 (Nuova disciplina degli interventi dello Stato a favore dello spettacolo);

 

b) I gestori privati di sale cinematografiche con irequisiti:

1) essere gestori di una sala cinematografica localizzata in uno dei Comuni della Toscana e, se iscritto in CCIAA o in possesso di partita IVA, svolgere un’attività economica identificata dal codice Ateco (2007) 59.14.00 PROIEZIONI CINEMATOGRAFICHE;

2) risultare formalmente costituiti alla data del 31 dicembre 2019 o, in caso di sopraggiunte e più recenti variazioni nella forma giuridica e statutaria, poter documentare una continuità di attività anteriore al 31 dicembre 2019;

3) avere sede operativa in Toscana;

4) svolgere un’attività cinematografica di natura professionale nel rispetto dei contratti collettivi nazionali di lavoro della categoria;

5) aver subito nell’anno 2020, rispetto all’anno 2019, una perdita delle entrate pari ad almeno il 30 per cento rispetto al valore dato dalla somma del fatturato e dei finanziamenti pubblici di competenza dell’anno (per i soggetti in possesso di partita IVA il dato si desume dal quadro VE della Dichiarazione IVA per gli anni 2019 e 2020; per i soggetti che non presentano Dichiarazione IVA, tra cui rientra chi è in regime forfettario o di vantaggio e gli occasionali, il dato si desume dal quadro RL della Dichiarazione dei redditi);

6) avere un numero di schermi non superiore a sette;

 

c) I lavoratori dello spettacolo con i requisiti:

1) essere iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo o alla gestione separata;

2) aver operato sul territorio regionale negli anni 2019 e 2020 presso soggetti di cui al paragrafo 2.1, lettere a) e b), del presente avviso;

3) avere la propria residenza da almeno tre anni in uno dei Comuni della Toscana;

4) avere un reddito riferito all’anno 2019 fino a un massimo di 50.000 euro;

5) avere subito una perdita del proprio reddito nell’anno 2020, pari ad almeno il 30 per cento, rispetto al 2019 (per i soggetti in possesso di partita IVA il dato si desume dal quadro VE della Dichiarazione IVA per gli anni 2019 e 2020; per i soggetti che non presentano Dichiarazione IVA, tra cui rientra chi è in regime forfettario o di vantaggio e gli occasionali, il dato si desume dal quadro RL della Dichiarazione dei redditi);

6) avere, negli anni 2018 e 2019, un numero medio di giornate lavorative, come risultanti da versamenti contributivi al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo, pari ad almeno sette giorni;

7) non essere percettori di redditi derivanti da pensione o da rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato, ad eccezione dei contratti disciplinati dal Capo II, Sezione II, del decreto legislativo n. 81 del 15 giugno 2015 (Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell’articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n. 183).

 

 

RISTORI SPETTACOLO : QUANTO SPETTA?

  • euro 6.000,00 per i destinatari/beneficiari di cui alla lettere a) e b) del precedente paragrafo 2.1;
  • euro 3.000,00 per i destinatari/beneficiari di cui alla lettera c) del precedente paragrafo 2.1.

L’importo massimo del singolo contributo non potrà in ogni caso superare l’entità della perdita subita dal singolo soggetto istante nell’annualità 2020 rispetto all’annualità 2019, tenuto anche conto di eventuali altri aiuti ricevuti per la stessa finalità, a livello sia nazionale sia regionale, nelle annualità 2020, 2021, 2022.

 

 

RISTORI SPETTACOLO: COME RICHIEDERLI

La richiesta è possibile tramite CNS o credenziali Spid livello 2 dal 12 Settembre fino alle ore 16:00 del 30/09/2022.

 

 

Per gli associati del settore possibile assistenza tramite il servizio Credito nelle sedi Confesercenti Siena

Ti potrebbero interessare anche:

BONUS SCUOLA E BAMBINI Da ottobre con EBCT

Possibile richiedere contributi su libri scolastici, asili e scuole, nascite e adozioni

03 ottobre 2022

AIUTI TER Decreto pubblicato

Pubblicato in Gazzetta ufficiale il Decreto legge “Aiuti ter”: novità su  bollette, carburanti, liquidità, trasporti 

30 settembre 2022

BONUS 200 EURO AUTONOMI E PROFESSIONISTI Possibile richiederlo

E’ ora possibile richiedere il bonus previsto dal Dl aiuti per lavoratori autonomi iscritti alle gestioni INPS e alle Casse private

27 settembre 2022