Numero Verde: 800 914848 - info@confesercenti.siena.it

CARO BOLLETTE Quali aumenti sono ammessi?

Le novità di fine 2022

03 gennaio 2023

 

aumenti-bollette

Stop agli aumenti unilaterali sulle bollette, ma non se collegati ad una specifica data o se i contratti sono a naturale scadenza. E' il senso dei più recenti sviluppi conseguenti alle novità emerse a fine 2022 da Antitrust, Consiglio di Stato e DL Milleproroghe.

 

I RICHIAMI ANTITRUST

 L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nell’Adunanza del 12 dicembre 2022 sulla base di numerose segnalazioni, aveva aperto procedure istruttorie nei confronti di sette operatori di energia (Enel, Eni, Hera, A2A, Edison, Acea ed Engie), che si aggiungono a Iren, Dolomiti, Iberdrola ed E.ON, nei confronti dei quali si era mossa a ottobre. Secondo l’Antitrust, gli operatori devono da subito tornare alle condizioni originarie dell'offerta e consentire agli utenti di applicare le precedenti tariffe.

 

Il richiamo non interessa i contratti in mercato tutelato: In questo caso, infatti, le tariffe sono decise direttamente da ARERA, l'Autorità garante dell'energia.  Più variabile la casistica per quelli in mercato libero a prezzo variabile: queste offerte fanno pagare l’energia elettrica o il gas in base all’andamento di alcuni indici del mercato all’ingrosso (il PUN per la luce, il PSV per il gas); le variazioni che riguardano l’andamento degli indici non rientrano nella casistica del decreto: si tratta, infatti, dell’andamento del mercato. Se la comunicazione riguarda invece la variazione di altre voci di costo delle offerte a prezzo variabile, come per esempio le quote fisse dell’offerta o eventuali costi a consumo accessori, si rientra nella casistica del decreto e tali variazioni non hanno efficacia.

 

NO AI RINCARI SE MANCA LA DATA

Il 20 dicembre il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di Iren , sospendendo il provvedimento nei suoi confronti laddove riguarda  contratti a tempo determinato o contratti che prevedano una scadenza predeterminata delle condizioni economiche a data precedente il 30 aprile 2023. 

 

A seguire, il 30 dicembre l’Antitrust ha aggiornato la propria posizione, ritenendo illegittimi gli aumenti che derivano da   comunicazioni di modifiche unilaterali (rinnovo o aggiornamento o variazione delle condizioni economiche di offerta di contratti a tempo indeterminato) che risultano prive di una chiara, effettiva e predeterminata o predeterminabile scadenza. Rispetto al totale delle compagnie prese di mira, il cerchio pare restringersi a  Enel, Eni, Edison, Acea ed Engie, che dovranno dar conto all’Antitrust della sospensione per gli aumenti che sono stati comunicati senza una chiara scadenza.

 

 

SI AI RINCARI SE IL CONTRATTO E' IN SCADENZA

Il giorno prima, in Gazzetta ufficiale era stato pubblicato il Decreto Milleproroghe 2023:    all’articolo 11 (comma 8) estende dal 30 aprile (termine introdotto dal DL Aiuti bis) al 30 giugno 2023 il blocco sulle clausole contrattuali che consentano all'impresa fornitrice di energia elettrica e gas naturale di modificare unilateralmente le condizioni generali del contratto, se questo non avviene alla scadenza naturale dei contratti. In altre parole: se un contratto è a scadenza può essere ritoccato, altrimenti no (almeno per il primo semestre 2023).

Ti potrebbero interessare anche:

CARO ENERGIA Provvedimenti, iniziative, aiuti: pagina guida

Riepilogo di informazioni utili per le attività per affrontare l'emergenza energetica

24 gennaio 2023

ENERGIA On line l’elenco ufficiale delle compagnie

Il Ministero dell’Ambiente ha  reso consultabile il portale "Elenco venditori di energia elettrica-Eve", attraverso il quale è possibile consultare l’Elenco dei venditori di energia elettrica ai clienti finali sul mercato libero

24 gennaio 2023

TAX CREDIT ENERGIA E GAS Come e quando utilizzarli

Il riepilogo aggiornato dei crediti d’imposta su energia e gas  a disposizione delle imprese

18 gennaio 2023